E’ il momento del debutto di Andrea Mosconi. Domani, il neo tecnico del Ravenna, arrivato a inizio settimana al posto di Marsili, siederà per la prima volta sulla panchina giallorossa nel match casalingo contro l’Union Arzignano, con la speranza e la voglia di lasciare subito il segno e di ottenere un risultato positivo. “Ho trovato una squadra volonterosa, che si è subito messa a disposizione – sono le sue prime parole – lavorando a testa bassa e mostrando grande disponibilità, tanto che mi sembra di essere qui da molto tempo. Devo ringraziare lo staff tecnico che mi ha preceduto: mi ha lasciato un gruppo in buone condizioni fisiche e tattiche”. Mosconi ha lavorato fin da subito per inculcare nel gruppo le sue idee e le sue convinzioni: l’auspicio è di vederle tradotte sul campo già nel match di domani. “Io confido di vedere un grande spirito combattivo – dice – una squadra umile ma nello stesso tempo con la giusta carica per fare la partita e la giusta voglia di lottare, per arrivare sempre prima sulla palla e comandare il gioco. Vorrei vedere atteggiamenti di una squadra e di uomini veri”. E’ il difensore centrale Michele Antoniacci a sintetizzare il pensiero dello spogliatoio. “Dobbiamo partire con la testa giusta, avere il miglior approccio possibile a questa partita che non si presenta facile. Il mister ci ha spiegato chiaramente cosa vuole da noi. Ci siamo messi a sua disposizione e cercheremo di fare fin da domani ciò che ci chiede”.

L’Union Arzignano che scende al Benelli, rinverdendo due sbiaditi precedenti di mezzo secolo fa (nella D ‘55/56 e ‘56/57 l’allora Sarom affrontò il Pellizzari Arzignano, conquistando due successi in altrettante gare alla Darsena), ha frenato nelle ultime tre partite, collezionando un solo pareggio, dopo una partenza incisiva (11 punti in 6 gare). “L’Arzignano è indubbiamente una buona squadra, ben attrezzata, con individualità di spicco – spiega Mosconi – ma noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e preoccuparci solo di noi, senza guardare a chi avremo di fronte. E questo sarà un atteggiamento che dovremo avere per ogni partita: rispettiamo tutti ma non dobbiamo temere nessuno”.

Per la sua “prima” in giallorosso, il neo-tecnico deve fronteggiare le assenze di Radoi e Gordini, indisponibili, e attendere di vedere in che condizioni sarà De Vecchis, che ha saltato l’allenamento di rifinitura per un attacco febbrile.

Dirigerà Riccardo Mezzalira di Varese (assistenti Spinelli e De Ambrosis di Busto Arsizio), al primo anno nei quadri della Can di Serie D: quella di domani sarà la sua 5ª direzione in questa stagione.

L’elenco dei convocati del Ravenna FC

Portieri: Iglio (‘96), Marendon.

Difensori: Antoniacci, Caidi, Destani (’96), Leonardo (’95), Maini (’97), Mandorlini.

Centrocampisti: Ambrogetti, Atzori (’96), Ballardini, Del Mastio, Guagneli (’97), Magri (’95), Mantovani (’97), Righini.

Attaccanti: Battiloro (’96), De Vecchis, Innocenti, Petrascu, Xeka (’96).