Un Inno alla vittoria. Lo intona il Ravenna a ringraziare il suo capitano che, entrato in campo all’11’ della ripresa, in sei minuti nel finale, ribalta la Fortis Juventus e sbroglia al meglio la matassa di una partita diventata molto intricata per i giallorossi. Fino al blitz di Innocenti, infatti, il Ravenna aveva fatto poco per far emergere i limiti della peggiore difesa del girone, mentre la Fortis Juventus, dignitosa per come sta affrontando il finale di un campionato da dimenticare e con la mente serena e leggera, stava incartando la prima vittoria esterna della stagione, favorita dalla rete di Rovai all’alba della ripresa, e se la stava prendendo con la sfortuna che aveva fatto planare sul palo la botta di Bai e sulla traversa il mezzo pallonetto di Zambon. Poi due capocciate di Innocenti e la gara si è indirizzata dalla parte del Ravenna per la gioia dei giallorossi che centrano la seconda vittoria di fila (mai successo in questa stagione), ri-scavalcano l’Union Arzignanochiampo, allungano a +9 e +10 su quintultima e quartultima e vedono la salvezza dietro l’angolo, e per Innocenti che, con queste due reti, firma la sua quarta doppietta stagionale e aggiorna il suo score personale in campionato in carriera a 250 gol esatti.
Pronti via e il Ravenna sembra quello che aveva espugnato il campo del Mezzolara: aggressivo e convinto. Radoi al 7’ e De Vecchis all’11’ sfiorano la rete. Poi i giallorossi perdono progressivamente forza e intensità, faticano a sviluppare una manovra di gioco incisiva (si fanno sentire a centrocampo le contemporanee assenze di Righini e Del Mastio) e incoraggiano le giocate degli avversari che mandano un primo segnale d’allarme al 34’ quando Giannetti raccoglie un angolo e insacca indisturbato ma con la mano, beccandosi l’inevitabile giallo, al 38’ quando Remedi manda di poco a lato un tiro da buona posizione, ma non irresistibile, fino a sbloccare il match al 5’ della ripresa quando Rovai raccoglie una bella verticalizzazione di Serotti e infila Iglio. Il Ravenna accusa il colpo e la Fortis Juventus fa la voce grossa: al 13’ gran tiro di Bai e palo pieno, al 17’ la velenosa conclusione dal limite di Zambon si stampa sulla traversa, e al 31’ Zambon va via sulla destra e quasi dalla linea di fondo prova il diagonale: pallone alto di poco. E’ qui che sale in cattedra Innocenti, entrato nel frattempo al posto di Atzori. Al 33’ raccoglie un servizio di Radoi e di a manda nell’angolino alla destra di Scarpelli e sei minuti dopo svetta nel mucchio su una punizione di Radoi e firma il sorpasso, quando la Fortis è in dieci per l’espulsione di Giannetti. I toscani non hanno più la forza di reagire e finiscono senza l’allenatore, allontanato dopo il gol del 2-1, e senza Mazzolli, espulso al triplice fischio dell’arbitro. Il Ravenna acciuffa così tre punti d’oro che l’avvicinano sensibilmente alla salvezza.

Della partita di oggi salviamo solo i tre puntiè l’onesta analisi a fine gara di mister Mosconi -. Dovevamo vincere, era troppo importante farlo, altrimenti avremmo commentato un dramma sportivo, e alla fine abbiamo ottenuto ciò che volevamo, ribaltando una partita che non tutti sarebbero stati in grado di rimontare; ma chiaramente non possiamo essere contenti della prestazione. Davanti al nostro pubblico ci tenevamo a fare una gara e una prova diversa: abbiamo accusato oltremisura le assenze a centrocampo, che ci hanno costretto a varare un reparto sottoquota, e abbiamo fatto fatica ad imporre il nostro gioco e la nostra mentalità. Più vicini alla salvezza? Non guardiamo la classifica; ci aspettano ancora sei battaglie e dobbiamo ancora stare sul pezzo”.

Il tabellino della gara

 Ravenna-Fortis Juventus 2-1

 RAVENNA (4-2-3-1): Iglio; Maini, Mandorlini, Regno, Caidi; Atzori (11’ st Innocenti), Guagneli; Radoi, Magri, Ambrogetti (25’ st Battiloro); De Vecchis (39’ st Petrascu). A disp.: Marendon, Destani, Leonardo, Derjai, Ballardini, Baccarini. All.: Mosconi.

FORTIS JUVENTUS (4-3-2-1): Scarpelli; Mazzolli, Giannetti, Segoni, Benvenuti (46’ st Bregu); Donatini (43’ st Rotesi), Bai, Remedi; Serotti, Zambon (36’ st Panelli); Rovai. A disp.: Valoriani, Pantiferi, Bagnai. All.: Smacchi.

ARBITRO: Boscarino di Siracusa.

RETI: 5’ st Rovai, 33’ st e 39’ st Innocenti.

NOTE: Espulsi al 34’ st Giannetti per doppia ammonizione e a fine gara Mazzolli. Allontanato al 39’ st l’allenatore Smacchi. Ammoniti: Atzori, Scarpelli, Mazzolli, De Vecchis. Angoli: 7-1. Recupero: 0’ e 5’.