Missione compiuta. Dopo due sconfitte a Lentigione e a San Marino, il Ravenna trova il primo gol e il primo punto lontano da casa. E’ Del Mastio a scacciare i fantasmi pareggiando nella ripresa il rigore messo a segno da Caboni nel primo tempo e permettendo al Ravenna di conquistare un meritatissimo pareggio contro la Correggese, al termine di una gara difficile ma ben interpretata. I giallorossi infilano così il terzo risultato utile di fila e denotano un’ulteriore incoraggiante crescita.

La Correggese parte all’attacco, ma il Ravenna è rapido e incisivo nelle ripartenze. E le prime occasioni sono proprio dei giallorossi: al 14’ discesa di Ambrogetti e sventagliata dalla parte opposta per Radoi che controlla e al volo fa partire un sinistro che si perde di poco alto sulla traversa. Al 24’ Radoi viene smarcato davanti al portiere, che tocca e respinge il suo tiro, arriva Ambrogetti ed è Bertazzini a negargli il gol respingendo poco fuori dalla linea. Ma al 27’ Bacher trova un varco nella difesa di casa ed entra in contatto con Atzori: la spinta c’è e induce l’arbitro a fischiare il rigore, trasformato con un tiro centrale da Caboni. Lo stesso Caboni al 44’ si fa vedere con un’incornata sottomisura su cross di Varini, ma Iglio Iglio blocca. Buon inizio di ripresa dei romagnoli che sfiorano la rete al 2’ con De Vecchis, ben servito da Radoi: Chiriac ha il riflesso giusto per neutralizzare il colpo di a dell’attaccante. Al 4’ Correggese in gol sugli sviluppi di una punizione: tutto vanificato dalla posizione di fuorigioco di Ponsat, autore del tocco decisivo di a. Gli sforzi del Ravenna sono premiati al 28’ quando Del Mastio raccoglie al limite un pallone respinto corto dalla difesa di casa su cross di Leonardo e trova con un preciso rasoterra l’angolino alla destra di Chiriac. L’ultimo sussulto al 44’: Iglio e Leonardo non si intendono su un rilancio della Correggese liberando la porta per la conclusione di Franceschini: Antoniacci è strepitoso nella scivolata che sventa l’ennesima beffa.

Un giusto pareggio che entrambe le squadre hanno meritato – sottolinea nel dopo-gara Alessandro Marsili -. Gli episodi hanno detto, però, che ci poteva essere un risultato diverso, da una parte e dall’altra. Il pari mi soddisfa, perché ottenuto contro una Correggese motivatissima, più forte di quello che dice la sua classifica e che davanti ha giocatori in grado di fare male. Abbiamo interpretato la partita nel modo miglior e siamo riusciti a correggere alcune situazioni tattiche nella ripresa. Questo terzo risultato utile di fila, contro un’altra squadra importante, ci aiuta nella nostra crescita e ci permette di proseguire con più convinzione e fiducia nel nostro obiettivo di disputare un campionato lontano dalle acque agitate”.

Il tabellino

Correggese-Ravenna 1-1

CORREGGESE (4-3-3): Chiriac; Selvaggio (22’ st Pappaianni), Bertazzini, Berni, Varini; Mantovani (22’ st Guerra), Bacher, Davoli (31’ st Franceschini); Fioretti, Ponsat, Caboni. A disp.: Razzano, Pipoli, Zuccolini, Lazzaretti, Arrascue, Camarà. All.: Campedelli.

RAVENNA (4-4-2): Iglio; Atzori, Mandorlini, Antoniacci, Leonardo; Guagneli (41’ st Maini), Righini (11’ st Del Mastio), Ballardini, Ambrogetti; De Vecchis, Radoi (45’ st  Petrascu). A disp.: Marendon, Caidi, Mantovani, Battiloro, Xeka, Innocenti. All.: Marsili.

ARBITRO: Milana di Trapani.

RETI: 28’ pt rig. Caboni, 28’ st Del Mastio.

NOTE: Ammoniti: Atzori, Fioretti, Chiriac, Mantovani, Caboni, Antoniacci, Pappaianni, Radoi. Spettatori circa 600. Angoli: 5-0. Recupero: 0’ e 4’.