La squadra giallorossa strappa lo 0-0 in casa della corazzata veneta, concedendo pochissimo e cercando fino alla fine il successo

Anche una corazzata come il Delta, in serie positiva da otto gare e reduce da quattro vittorie di fila, capisce quanto sia difficile oggi affrontare il Ravenna. La truppa giallorossa, nell’ennesimo in trasferta contro una grande, conferma tutte le sue credenziali di squadra compatta, solida, organizzata, disposta a fare la partita e che concede poco. Lo 0-0 finale, nono pareggio in campionato ma che permette di allungare a sei la serie utile di risultati, è lo specchio di una partita equilibrata, a lungo bloccata tatticamente, ma in cui sono i giallorossi a farsi preferire sul piano della manovra e dell’iniziativa.

La cronaca del match Il meglio del primo tempo è all’inizio. Al 4’ Fortunato cerca il palo più lontano, ma manca di poco la mira. Poi al 14’ Dionisi chiama al tiro Zubin che anticipa tutti ma non inquadra la porta. Sul rovesciamento di fronte Selleri lancia in un corridoio centrale Broso che spara addosso a Boccanera in uscita. Poi è Selleri su punizione al 19’ a collaudare la prontezza di riflessi dell’estremo difensore locale. Il Ravenna mantiene il comando delle operazioni, costringendo il Delta sulla difensiva ma la manovra non trova sbocchi. Al rientro dagli spogliatoi, non cambia lo spartito della gara col Ravenna a provarci di più e il Delta ad affidarsi alle ripartenze. In una di queste al 10’ Fortunato va al tiro al volo, spedendo fuori di poco. Segue una lunga fase di equilibrio che i cambi dei due allenatori non contribuiscono a spezzare. E nella cronaca delle azioni c’è spazio solo per il tentativo apprezzabile di Lelj al 38’: tiro al volo da 30 metri che Boccanera addomestica. E’ l’azione che apre il gran finale del Ravenna che chiude in attacco e sfiora il gol in due circostanze, con Broso al 46’ (capocciata che Boccanera neutralizza con un efficace tuffo) e con Ballardini, che oggi ha festeggiato le cento partite di campionato in carriera, al 47’ (tiro a giro che sfiora il palo, con Boccanera fuori causa).

Mister Antonioli “Sono contento della prova dei ragazzi, ma è da un po’ che stiamo facendo bene. Oggi il pareggio è un buon risultato; abbiamo fatto una buona partita contro una corazzata come il Delta, che ha confermato di avere valori importanti per la categoria, concedendo poco a loro e non rinunciando mai ad attaccare. Credo che oggi il pari finale sia più merito nostro che demerito del Delta. E la prova fornita oggi non fa che accentuare il rammarico per i due punti lasciati per strada domenica con la Colligiana. Adesso mancano due partite alla fine dell’andata; cerchiamo di ottenere più punti possibili per rimanere agganciati al gruppo delle prime, poi speriamo che nel ritorno la sfortuna ci lasci un po’ in pace”.

Il tabellino del match
Delta Rovigo-Ravenna 0-0

DELTA ROVIGO (4-3-1-2): Boccanera; Dionisi, Contri, Sentinelli, Fabbri; Miotto, Migliorini (1’ st Oliveira), Nichele; Fortunato (19’ st Ferrari); Ilari (35’ st Gattoni), Zubin. A disp.: Careri, Capogrosso, Castaldo, Crescenzi, Soro, Alessandro. All.: Parlato.
RAVENNA (4-4-2): Spurio; Ballardini, Giacomoni, Venturini, Mingozzi (26’ st Guagneli); Ambrogetti (31’ st Rrapaj), Lelj, Selleri, Luzzi (39’ st Forte); Innocenti, Broso. A disp.: Maddalena, Voria, Ferri, Boschetti, Sabba, Zhytarchuk. All.: Antonioli.
ARBITRO: Copat di Pordenone.
NOTE: Ammoniti: Miotto, Sentinelli, Nichele, Ballardini, Ambrogetti. Spettatori circa 600. Angoli: 2-5. Recupero: 2’ e 4’.