Mandorlini, al suo primo gol in stagione, risolve la sfida tra le due squadre al terzo posto. Continua così la rincorsa dei giallorossi, ancora imbattuti negli scontri diretti, alla vetta

La rincorsa alla vetta continua. Il Ravenna la spunta con merito nel duello con l’altra terza del lotto, il Lentigione, mantiene l’imbattibilità negli scontri diretti (2 vittorie e 4 pareggi), aggancia al secondo posto il Delta Rovigo e resta a -2 dall’Imolese, tornata leader, in attesa del loro recupero fissato per mercoledì, e guarda con grandi convinzioni al big-match di domenica a Imola, vero crocevia della stagione. Decide, all’ennesima palla-gol costruita, un guizzo di Mandorlini, al suo primo centro in questa stagione.
La cronaca Le squadre lasciano i tatticismi nello spogliatoio e fin dall’inizio dimostrano di voler inseguire la vittoria. Ne godono i mille e passa del Benelli che assistono ad un match traboccante di occasioni da rete. Comincia il Ravenna con Graziani al 10’ (pallonetto in area che sorvola la traversa) e con Lelj al 13’ (tiro in controbalzo a cercare l’incrocio: alto di poco),  risponde Rocco, fastidiosissimo e pericolosissimo terminale offensivo dei biancorossi che al 15’ centra la traversa con una gran bordata e una manciata di secondi dopo gira a rete uno spiovente da angolo, trovando il riflesso felino di Venturi. Poi è ancora Ravenna ma Pregnolato prima (è il 22’) manda sul fondo a tu per tu con Nava e poi (al 28’) spara alto dopo essersi ben preparato il tiro. Ancora Venturi è decisivo sul filtrante di Pandiani al 30’, mentre dall’altra parte Nava al 33’ rintuzza in angolo il tocco ravvicinato di Rrapaj. Graziani vede finire al 38’ sull’esterno della rete la sua rovesciata mentre Rocco (ancora lui) vede svanire sul fondo il suo sinistro da buona posizione al 42’.
Ancora Rocco semina il panico all’alba della ripresa, costringendo la difesa del Ravenna ad un’affannosa chiusura in angolo. Il Lentigione finisce qui, perché dopo è solo Ravenna. Graziani al 9’, ben smarcato da Pregnolato, trova sulla sua strada Nava, Pregnolato al 17’ conclude a lato su un pallone che Forte aveva sporcato di a e al 23’ arriva la rete del successo: angolo di Selleri, respinta corta della difesa ospite, pallone per Pregnolato, un rimpallo smarca al tiro Mandorlini, appostato all’altezza dell’area piccola. Il tocco è vincente. Esplode di gioia il Benelli, si carica ancora di più il Ravenna che continua a premere sull’acceleratore impedendo al Lentigione di reagire. Fioccano le occasioni – Boschetti a porta spalancata calcia fuori, Venturini incorna a rete e Nava è strepitoso nella deviazione, Graziani solo in area colpisce male e Pregnolato indugia al momento del tiro quel tanto che basta per consentire a Nava l’uscita vincente – ma il 2-0 non arriva. Non c’è però nemmeno il guizzo degli avversari, ben controllati nel finale dalla retroguardia giallorossa. Finisce 1-0 e il sogno del Ravenna continua.

Gli spogliatoi Dopo una simile prestazione e con una vittoria così pesante, mister Antonioli è il ritratto della felicità. “Ho visto una prestazione notevole da parte della squadra – mette in risalto – per intensità, concentrazione, maturità e solidità. Nel secondo tempo abbiamo concesso praticamente nulla al Lentigione che, per quanto fatto vedere in campo, ha confermato le sue qualità e le sue individualità importanti. L’unico appunto che posso muovere ai miei ragazzi è quello di non aver chiuso la gara dopo il nostro vantaggio, nonostante almeno 4 nitide occasioni per raddoppiare. Ma abbiamo vinto e va bene così. Abbiamo messo un’altra tacca nel nostro cammino e adesso andiamo a giocarci a Imola una partita fondamentale per la nostra stagione con grande entusiasmo e con grandi convinzioni”.

Il tabellino del match

Ravenna-Lentigione 1-0

RAVENNA (4-3-1-2): Venturi; Ballardini, Mandorlini, Venturini, Rrapaj; Forte (37’ st Ambrogetti), Lelj, Selleri; Pregnolato (42’ st Derjai); Graziani, Luzzi (20’ st Boschetti). A disp.: Spurio, Spurio, Giacomoni, Larese, Voria, Sabba, Innocenti. All.: Antonioli.
LENTIGIONE (4-2-3-1): Nava; Santagiuliana, Rieti, Galuppo (36’ st Marijanovic), Ferrari (18’ st N. Molinaro); Roma, Savi; Ogunleye, Miftah (18’ st Bignotti), Pandiani; Rocco. A disp.: Borges, Candio, Vecchi, Fyda, Hima, Fanti. All.: Zattarin.
ARBITRO: Rossetti di Ancona.
RETE: 23’ st Mandorlini.
NOTE: Ammoniti: Forte, Pregnolato, Boschetti, Rrapaj, Selleri. Angoli: 6-4. Recupero: 1’ e 4’.