Eccola finalmente la prima vittoria in trasferta. Arriva alla settima, a Castelvetro, rimontando nella ripresa il gol subito in apertura, scacciando i fantasmi di un’altra gara che sembrava stregata. Questa volta, però, il Ravenna riesce a trovare il modo di essere concreto e più forte degli eventi negativi e a conquistare un successo che, alla luce dei tanti pareggi di chi sta davanti, la avvicina alla zona playoff e anche alla vetta, distante sei lunghezze.

 

La cronaca Pronti via e in pochi minuti il Ravenna ha già guadagnato tre angoli. Ma al 9’ il Castelvetro trova un fianco scoperto nella difesa ospite, Boilini ne approfitta per andare al tiro, Venturi respinge e Greco in anticipo su tutti mette dentro. La reazione del Ravenna arriva dai calci d’angolo: prima Lelj incorna alto, poi Venturini schiaccia di a trovando il riflesso di Tabaglio. Seconda proiezione offensiva del Castelvetro al 22’ e secondo gol made in Cozzolino: da Stefano a Giuseppe che insacca con la bandierina dell’assistente già alta. Nel finale di tempo ci prova Graziani, prima con una splendida rovesciata che Tabaglio disinnesca sul primo palo e poi con un tiro centrale e ! non potente che il n.1 di casa blocca.
Il Ravenna esce dagli spogliatoi con ancora più carica e rabbia, con Guagneli al posto di Boschetti e con Luzzi vertice avanzato del centrocampo a sostegno delle due punte. E ancor prima che il Castelvetro possa prendere le misure arriva il pari, griffato da Zuppardo, al suo primo centro in campionato, insaccando un pallone respinto corto da Tabaglio sul tiro di Luzzi. Il Ravenna lievita, il Castelvetro annaspa. Tabaglio blocca in due tempi all’8’ il tentativo di Selleri ed è decisivo al 14’ murando Luzzi liberato al tiro da una sponda aerea di Graziani. Avvisaglie del raddoppio che matura al 18’: profondo cross di Ballardini per Zuppardo, Tabaglio sventa il suo colpo di a ma nulla può sulla ribattuta di Graziani che infila nella porta sguarnita. I giallorossi allentano un attimo la presa, senza però rinunciare al gioco e alla pressione e si distrae solo al 32’ quando un tiro-cross di S. ! Cozzolino costringe Venturi ad una difficile deviazione in angolo. Le schermaglie finali non cambiano il risultato e il Ravenna può liberare la sua gioia per il primo successo esterno.

Mister Antonioli “Finalmente abbiamo raccolto quello che anche oggi meritavamo, dopo una partita giocata sulla falsariga delle ultime. Si era messa male, con quel gol subito all’inizio e quelle tre-quattro occasioni che non siamo riusciti a concretizzare, ma i ragazzi sono stati bravissimi a crederci e nella ripresa siamo riusciti a ribaltare il risultato. Il cambio di modulo? Volevo evitare l’inferiorità numerica a centrocampo, così a inizio ripresa sono passato al rombo con Luzzi a disturbare la loro fonte di gioco. I ragazzi sono stati bravi a calarsi in questo nuovo assetto e hanno raccolto i frutti del loro lavoro e delle loro convinzioni. Questa è una vittoria importantissima, tre punti molto preziosi che danno alla nostra classifica un volto diverso e ci rilancia vers! o quelle posizioni di playoff che sono l’obiettivo che la società si è data”.

Il tabellino della partita

CASTELVETRO-RAVENNA 1-2

CASTELVETRO (3-5-2): Tabaglio; Galassi, Nodari, Farina; S. Cozzolino, De Pietri Tonelli (32’ st Bagatti), Mandelli, Boilini (11’ st Vernia), Calanca (17’ st Croce); Greco, G. Cozzolino. A disp.: Ndreu, Fontanesi, Serra, F. Sereni, Di Paola, M. Sereni. All.: Serpini.
RAVENNA (4-4-2): Venturi; Ballardini, Giacomoni, Venturini, Mingozzi; Boschetti (1’ st Guagneli), Selleri, Lelj, Luzzi (32’ st Sabba); Graziani (44’ st Innocenti), Zuppardo. A disp.: Spurio, Voria, Ferri, Rrapaj, Ambrogetti, Zhytarchuk. All.: Antonioli.
! ARBITRO: Gullotta di Siracusa.

RETI: 9’ pt Greco, 4’ st Zuppardo, 18’ st Graziani.
NOTE: Ammoniti: De Pietri Tonelli, Selleri, S. Cozzolino, Nodari, G. Cozzolino. Angoli: 1-8. Recupero: 1’ e 5’.